Diego Fagundez, qualità in Massachusetts

. . Nessun commento:
Nome completo: Diego Santiago Fagúndez Pepe
Data di nascita: 14 febbraio 1995
Luogo di nascita: Montevideo (Uruguay)
Nazionalità: Uruguayana
Altezza: 1,73 m
Peso: 62 kg
Ruolo: Trequartista
Squadra di appartenenza: New England Revolution
Carriera: 2005/07 FC United, 2008/09 FC Greater Boston Bolts, 2010/- New England Revolution (Under-16: 22/21; Under-18: 6/2; Reserves: 9/1; Prima squadra: 8/2).
Nazionale: Stati Uniti Under-14 e Under-15.

CARRIERA – Diego Fagundez nasce il 14 febbraio 1995 a Montevideo, capitale dell’Uruguay, ma già a quattro anni si trasferisce con tutta la famiglia negli Stati Uniti, precisamente a Leominster, stato del Massachusetts. Figlio di Washington, ex portiere professionista in patria, Diego inizia a giocare a poco più di dieci anni nel FC United, club della vicina Worcester, con cui raggiunge le finali statali nel 2005 per poi vincerle l’anno successivo; ad inizio 2008 si trasferisce al FC Greater Boston Bolts, ci resta due anni vincendo altrettanti campionati statali. Dopo la conquista del secondo campionato statale, per Fagundez arriva la grande occasione; il New England Revolution, franchigia della Major League Soccer con base a Foxborough (Massachusetts), lo nota e lo inserisce nella propria academy. Fagundez entra così a far parte della rosa dell’Under-16, dove mette subito in mostra il proprio talento contribuendo alla vittoria del campionato nella divisione nord dell’US Soccer Development Academy; i suoi numeri in Under-16 sono impressionanti: 22 presenze, 21 reti e 12 assist. Fagundez sembra sprecato a giocare con i coetanei e così viene promosso in Under-18, dove continua a giocare su buoni livelli, diminuisce la propria media gol ma si rivela un vero e proprio uomo assist, visto che ne dispensa 5 in sei gare. Il 15 novembre 2010 firma il contratto propostogli dai Revs e diventa il primo prodotto dell’academy a firmare un contratto da professionista. L’esordio in prima squadra avviene il 26 aprile 2011, quando in occasione della vittoria (3-2) in Lamar Hunt US Open Cup contro il D.C. United subentra al 76’ al posto dell’ex Lazio Ousmane Dabo. L’esordio in campionato avviene qualche mese più tardi, precisamente il 6 agosto nella partita interna contro il Chivas USA, quando al 66’ sostituisce Schilawski: il suo non sarà un esordio che passerà inosservato. Dopo soli tre minuti dal suo ingresso in campo, infatti, Fagundez salta di netto un avversario in area, che non può fare altro che stenderlo; l’arbitro indica il dischetto degli undici metri, dove va Shalrie Thomas che segna. La serata del piccolo Diego inizia bene e prosegue meglio, visto che all’86’ arriva un lancio dalla trequarti, Fagundez a centro area elude l’intervento di un avversario con una finta di corpo e insacca di sinistro. Questo gol, inutile ai fini del risultato, rende Fagundez il secondo marcatore più giovane nella storia della MLS. Un gol e un rigore procurato all’esordio, un avvio promettente per il ragazzo di Montevideo, che continua a collezionare scampoli di partita contro Columbus Crew e Chicago Fire, prima dell’esordio da titolare contro Seattle. È il 2 ottobre 2011 e Fagundez a 16 anni e 229 giorni diventa il più giovane calciatore a giocare una partita intera in MLS, un record festeggiato al meglio dal ragazzo, visto che al 35’ porta in vantaggio i Revs con un colpo di testa, non proprio la sua specialità, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Coach Steve Nicol, ex difensore del Liverpool in passato, è impressionato dal ragazzo e lo conferma titolare anche nelle due partite successive contro San José Earthquakes e Colombus Crew, partite in cui Fagundez non riesce a ripetere le belle prestazioni precedenti. Tifoso di Manchester United e Boston Celtics, Fagundez ha in Cristiano Ronaldo il proprio idolo, anche se la strada per eguagliarlo è ancora molto lunga.

NAZIONALE – Fagundez ha fatto parte del Massachusetts ODP (Olympic Development Program), ossia una rappresentativa dei migliori talenti dello stato; capitano della rappresentativa nel 2008/09, Fagundez con la selezione statale ha giocato l’Adidas Interregional All-Star, un torneo nazionale disputato dalle varie rappresentative statali. A livello di nazionale, invece, Fagundez ha giocato in Under-14 e Under-15 degli Stati Uniti, ma ancora non possiede il passaporto statunitense, quindi non può essere convocato per le selezioni superiori. In una recente intervista al Boston Globe, Fagundez ha dichiarato che il suo sogno è giocare con una nazionale, Stati Uniti o Uruguay non fa differenza. Lo staff tecnico della Celeste lo tiene d’occhio e negli Stati Uniti sperano che non si ripeta la storia di Andy Najar, che ha deciso di giocare con l’Honduras, stato in cui è nato, piuttosto che con la nazionale a stelle e strisce.

CARATTERISTICHE – Fagundez è un centrocampista offensivo, capace di giocare sull’esterno o dietro le punte, venendo impiegato anche come seconda punta. Fisico ridotto ma in fase di sviluppo, Fagundez fa della velocità e del controllo palla i propri punti di forza; tecnicamente dotato, fantasioso palla al piede, in fase offensiva riesce a rendersi molto utile tatticamente. Com’è normale che sia, Fagundez deve migliorare sotto molti aspetti, come la fase difensiva, da cui si estranea diventando quasi inutile per i propri compagni, e nel corpo a corpo con gli avversari, sfida persa in partenza contro difensori imponenti come Marshall del Columbus Crew, con cui Fagundez ha avuto in regalo un trauma cranico dopo un contrasto di gioco.

Diego Fagundez in azione:

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social