Delio Rossi: "Una sconfitta che non deve abbatterci"

. . Nessun commento:
Le dichiarazioni di Rossi, Nastasic e Pasqual nel post-partita di Atalanta-Fiorentina, prima sconfitta viola dopo quattro risultati utili: i gol di Denis e Bonaventura decretano la salvezza nerazzurra e rimandano quella viola alla prossima giornata, in cui la Fiorentina dovrà fare a meno di Behrami per infortunio.

LA PARTITA - La fine di aprile porta con sé la prima sconfitta della Viola dopo quattro risultati utili consecutivi. La Fiorentina di Bergamo è quella brutta e poco incisiva che ha deluso per gran parte della stagione, quella Fiorentina chiusa in un armadio per le vittorie esterne contro Milan e Roma e i pareggi casalinghi con Inter e Palermo. Ancora una volta senza prime punte, Rossi è costretto a schierare il tandem offensivo composto da Jovetic e Ljajic, a centrocampo rientra Pasqual sulla sinistra, mentre in difesa la squalifica di Boruc consente al brasiliano Neto, finora utilizzato solo in Coppa Italia, di esordire in campionato. Non sarà un esordio felice il suo, poiché dopo dieci minuti deve già raccogliere in fondo alla rete il colpo di testa, imparabile, di Denis, giunto al 16esimo centro stagionale. La Fiorentina sembra svogliata, sicuramente non ha la stessa vivacità e la stessa grinta messa in mostra non più di quattro giorni fa all’Olimpico. Poche idee appannate di gioco, fraseggi a centrocampo che portano ad inutili cross per l’area di rigore, satura di maglie nerazzurre. Il primo tempo non può che concludersi con l’Atalanta in vantaggio, che dopo il gol in avvio si limita a chiudere gli spazi alla manovra viola, che consente ai viola di avere maggior possesso palla, ma non di rendersi realmente pericolosi dalle parti di Consigli.

La ripresa inizia senza Behrami, infortunato nel corso del primo tempo e sostituito da Salifu all’intervallo: per lui si parla di sublussazione alla clavicola, per la precisione all’acromion claveare. Avvio di secondo tempo shock per i viola, che prima rischiano grosso su un colpo di testa di Denis parato da Neto, poi subiscono il gol del raddoppio di Bonaventura, che risolve un flipper in area di rigore; infine, sfiorano di subire il terzo gol a distanza di pochi minuti dal secondo con Moralez, il cui pallonetto viene deviato in angolo da Nastasic. L’Atalanta ha la partita in pugno e solo un proprio errore può rimetterla in discussione, e così accade al ventesimo quando Raimondi atterra Acosty in area. Jovetic s’incarica della realizzazione del calcio di rigore, ma come Ljajic una settimana fa contro l’Inter il montenegrino si fa parare il tiro da Consigli, che mantiene inviolata la propria porta. L’errore dal dischetto spegne definitivamente la partita, riaccesa da due lampi di Jovetic e Acosty, unica nota positiva in questa giornata pessima. Finisce così 2-0 per gli orobici, che festeggiano la salvezza e potranno godersi in piena tranquillità le ultime giornate di campionato. I gigliati, invece, grazie alle sconfitte di Genoa e Lecce mantengono sei punti di vantaggio sulla zona retrocessione, ma già dal prossimo impegno contro il Novara devono chiudere il proprio discorso salvezza, evitando pericolosi stravolgimenti nelle ultime due giornate.

LE INTERVISTE - Il tecnico Delio Rossi appare non troppo abbattuto dalla sconfitta odierna, soprattutto perché giunto alla luce di un mese molto positivo. Queste le sue parole: “Veniamo da un mese in cui abbiamo fatto qualcosa di impensabile ma di meritato. Oggi abbiamo incontrato una squadra tosta, noi siamo stati meno intensi di altre volte, però come in tutte le partite hanno vinto gli episodi. L’Atalanta ha tirato in porta due volte e a noi mancavano le energie che abbiamo avuto in passato. Una gara storta non deve condizionare quello che di buono abbiamo fatto nelle ultime partite. Il rigore di Jovetic? Ci sta di sbagliare, anche Messi e Ronaldo hanno sbagliato. L’infortunio di Behrami? È un giocatore unico e non è semplice fare a meno di lui”.

Uno dei pochi a salvarsi nella trasferta bergamasca è Matija Nastasic, che a Radioblu ha rilasciato alcune dichiarazioni: “Siamo entrati male in campo ed abbiamo preso gol alla prima azione dell’Atalanta. Mi dispiace che Jovetic abbia sbagliato un rigore come Ljajic, ma può capitare di fallire dagli undici metri. Adesso dobbiamo pensare alla partita contro il Novara perché dobbiamo fare i tre punti con ogni sforzo per salvarci”. Alla radio toscana ha parlato anche il capitano di giornata Manuel Pasqual: “Volevamo venire via da Bergamo con dei punti, ma siamo stati poco pericolosi. Adesso vogliamo vincere mercoledì per salvarci definitivamente e finire questo anno difficile. Oggi la Fiorentina ha giocato come nelle altre partite, ma ha trovato davanti un’Atalanta molto organizzata, che si è chiusa molto bene e ripartiva. Dispiace aver sbagliato il rigore ma non dobbiamo appellarci a questo errore, visto che non abbiamo mai tirato in porta”.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social