Leonardo Capezzi, il centrocampista che sta stupendo tutti nel ritiro estivo della Fiorentina

. . Nessun commento:
Qualcuno vedendolo in azione con la maglia della Fiorentina l’ha paragonato a Rui Costa. Chi l’ha potuto apprezzare in Nazionale ha visto in lui le qualità del primo De Rossi. Il suo idolo e modello di riferimento, però, non sono né la stella portoghese né il centrocampista romano, ma il capitano del Liverpool Steven Gerrard. Se vi state domandando chi è questo giovane centrocampista paragonato a due tra i più grandi interpreti del ruolo, seppur con caratteristiche molto diverse, soddisferò immediatamente la vostra curiosità. Il ragazzo in questione è Leonardo Capezzi, centrocampista centrale classe ’95 di proprietà della Fiorentina e punto fermo dell’Under-17 azzurra.

© aicfoto.com
Nome completo: Leonardo Capezzi
Data di nascita: 28 marzo 1995
Luogo di nascita: Figline Valdarno (Firenze – Italia)
Nazionalità: Italiana
Altezza: 1,78 m
Peso: 68 kg
Ruolo: Centrocampista
Squadra di appartenenza: Fiorentina
Carriera: 2004/08 Sangiovannese, 2008/- Fiorentina
Nazionale: Italia Under-15, Under-16, Under-17

CARRIERA – Nato il 28 marzo 1995 a Figline Valdarno, comune fiorentino del Valdarno, zona in cui se inizi a giocare a calcio, e non vuoi percorrere i 60 chilometri che separano Figline da Firenze, non puoi che entrare nella scuola calcio della Sangiovannese, punto di riferimento calcistico per il Valdarno. Ed è qui che comincia la carriera di Capezzi, che nel 2004 entra nel vivaio del club toscano, dove resta per quattro anni. A tredici anni, infatti, gli osservatori della Fiorentina sparsi lungo tutta la Toscana notano questo centrocampista dai piedi buoni e decidono di portarlo a Firenze. In breve tempo Capezzi diventa un punto fermo dei Giovanissimi Nazionale prima e degli Allievi Nazionali poi, di cui è stato anche capitano nella scorsa stagione. Proprio con gli Allievi Nazionali ha sfiorato la finale scudetto lo scorso giugno, dove i viola sono stati eliminati ai rigori dalla Sampdoria poi campione d’Italia; nella lotteria dei rigori l’errore di Capezzi è risultato decisivo per il passaggio di turno e, dimostrando umiltà e attaccamento alla maglia non indifferenti per un diciassettenne, si è scusato su Twitter con i tifosi viola, gesto molto apprezzato dagli stessi. Nella storia viola di Capezzi c’è stato un momento in cui ha seriamente rischiato di lasciare Firenze. Nel giugno 2011, infatti, niente meno che il Manchester United si interessa a quattro ragazzi delle giovanili gigliate: Capezzi appunto, il difensore centrale Madrigali (’95) e i portieri Lezzerini (’95) e Gollini (’95). I Red Devils, che poco tempo prima avevano “scippato” il difensore Fornasier (’93) proprio ai viola, riescono a convincere solo Gollini, mentre gli altri tre ragazzi decidono di restare ancora a Firenze, dove la fiducia in loro è tanta. Non a caso, per il ritiro precampionato in vista della prossima stagione, Montella ha convocato Capezzi e Lezzerini, oltre all’altro ’95 Gulin, per integrare la rosa. Proprio Capezzi sta impressionando tutti, a partire da Montella e il suo staff, che lo terranno sotto osservazione per tutta la stagione, seguendone i progressi e lo sviluppo delle sue caratteristiche. Piccolo aneddoto: dal prossimo autunno su Mtv inizierà un programma dedicato agli Allievi Nazionali della Fiorentina che, sulla falsariga di quanto accaduto con le ragazze della ginnastica artistica (“Ginnaste – Vite parallele”), sono stati seguiti lungo tutta la scorsa stagione, con particolare attenzione alla storia dei ragazzi e alla loro vita dentro e fuori dal campo; senza dubbio questo sarà un modo alternativo per conoscere meglio Capezzi e tutti i suoi compagni di squadra, conoscendo anche la loro parte più privata e nascosta ai riflettori del terreno di gioco. 

NAZIONALE – Da sempre nel giro delle nazionali giovanili azzurre, Capezzi è molto stimato dall’ex selezionatore Nicola Salerno e da Francesco Rocca, anch’egli selezionatore azzurro e primo allenatore del centrocampista in Under-15 e Under-16, dove venne convocato per la prima volta per un torneo in Portogallo. Pedina imprescindibile della Under-17, con cui ha collezionato otto presenze e un gol tra fase di qualificazione e fase élite dell’Europeo di categoria, in varie occasioni è stato ha portato al braccio la fascia di capitano, motivo di orgoglio e responsabilità per il ragazzo.

CARATTERISTICHE – Destro naturale, Capezzi è un centrocampista dal fisico non eccelso (178 x 68), ma che riesce comunque a farsi sentire in mezzo al campo. Bravo tatticamente e tecnicamente, ama la fase offensiva, ma non fa mancare il proprio contributo anche in quella difensiva, caratteristica che lo rende una mezzala molto utile tatticamente. Come detto, Capezzi è un centrocampista con attitudini offensive e riesce a rendersi molto pericoloso negli ultimi sedici metri grazie ad un innato senso del gol, caratteristica che ha portato qualche giornalista fiorentino ad accostarlo a Rui Costa; come il portoghese, cerca molto l’assist per i compagni, ma non disdegna la conclusione personale se si trova in posizione ottimale. L’altro paragone invece, cioè quello con De Rossi, deriva dalla grande personalità e dall’impegno profuso sul terreno di gioco, che lo rendono un leader tra i coetanei; un esempio di ciò, che può essere anche banale, è il continuo chiamare palla ai compagni nelle amichevoli che la Fiorentina sta disputando in questo ritiro estivo. L’obiettivo dichiarato dal ragazzo è esordire al Franchi con la maglia viola indosso e non è escluso che tutti i sacrifici fatti in questi anni siano ripagati in questa stagione.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social