Montella verso Parma: "Vietato sbagliare l'approccio"

. . Nessun commento:
© Federico De Luca
La testa dei tifosi è già a martedì sera, quando a Firenze arriverà la Juventus, la rivale per eccellenza. Nel mezzo, però, c’è un’altra partita, quella di Parma contro i gialloblu di Donadoni, ostacolo non proprio semplice da superare nonostante i tre punti conquistati fin qui. Lo sa Montella e cerca di farlo capire anche ai suoi ragazzi, che come lui dovranno prima pensare all’impegno di sabato pomeriggio e poi focalizzare le proprie energie sulla partitissima di inizio settimana.

Vincenzo Montella in conferenza stampa dimostra che al momento la sua attenzione è focalizzata solo ed esclusivamente sulla sfida del Tardini: “Questo è tra quei momenti in cui dobbiamo dimostrare di fare il salto di qualità a livello mentale. Per me è facile preparare una partita alla volta e mi auguro che lo sia anche per i miei giocatori. Prima di ogni cosa mi preme vedere la squadra e me stesso sotto il punto di vista dell’approccio mentale. Conte? Gli sarà riservata la massima accoglienza possibile, per quanto consente il nostro stadio. Il nostro obiettivo è quello di continuare a lavorare come stiamo facendo, di crescere di partita in partita. Toni lo considero senza guardare la carta d’identità, lo vedo ogni giorno e ha caratteristiche che stanno bene nel nostro gioco. Mati Fernandez non l’ho provato spesso, ma come interno o esterno offensivo può giocare benissimo. Tour de force? Sono partite importanti, non faccio tabelle e mi interessano le singole prestazioni. Adesso la nostra attenzione è sulla prossima partita. Il Parma viene da un campionato eccellente, ha cambiato qualcosina davanti, ma sono comunque una squadra ordinata, brava in contropiede e sulle palle inattive. Donadoni mi piace perché è una persona moderata e ponderata. Abbiamo una rosa molto ampia e omogenea, quindi domani come nelle scorse partite verrà messa in campo la formazione migliore. In difesa ci potranno essere degli inserimenti, come Savic per esempio, però questo è tra i reparti quello che mi piace cambiare meno. Gli auguri per il compleanno della maglia viola? Non mi piace accattivarmi le simpatie con esternazioni pubbliche. Dico solo che si è creato un feeling speciale con l’ambiente di Firenze e voglio che continui così”.

Questi i convocati per la trasferta di Parma: Borja Valero, Camporese, Cassani, Cuadrado, Fernandez, Hegazi, Jovetic, Ljajic, Llama, Lupatelli, Migliaccio, Neto, Olivera, Pasqual, Pizarro, Rodriguez, Romulo, Roncaglia, Savic, Seferovic, Tomovic, Toni, Viviano. Restano fuori gli infortunati Aquilani, El Hamdaoui e Della Rocca. Per quanto riguarda l’attaccante marocchino, la sua esclusione è causata dall’infiammazione al ginocchio che l’ha tenuto fuori negli ultimi allenamenti e che potrebbe comprometterne la disponibilità anche contro la Juventus. Aquilani e Della Rocca, invece, sono ancora lontani dal rientro, anche se per il centrocampista romano è probabile la disponibilità già dall’impegno contro l’Inter, mentre il brindisino necessita di più tempo per riprendersi dall’operazione all’ernia. Tornando ai convocati, prima in gruppo per il montenegrino Savic, che ha risolto i problemi di transfer ed è a disposizione di Montella.

Passando alla probabile formazione, Montella conferma il 3-5-2 utilizzato finora e sembra intenzionato a cambiare qualcosa a centrocampo. Confermatissimo tra i pali Viviano, in difesa non dovrebbero esserci cambi e quindi le tre maglie saranno di Roncaglia, Rodriguez e Tomovic, a centrocampo sicuri del posto Pizarro e Borja Valero, mentre ci sono tre ballottaggi per gli altri posti: Cassani-Cuadrado, Mati Fernandez-Migliaccio-Romulo e Llama-Pasqual, che vede in vantaggio rispettivamente l’italiano, il cileno e l’argentino. In attacco, invece, nessun dubbio e spazio nuovamente alla coppia composta da Ljajic e Jovetic, con Toni pronto a subentrare nel corso della ripresa.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social