Fiorentina a forza quattro, Cagliari travolto

. . Nessun commento:
©Foto di Federico De Luca
FIORENTINA (3-5-2): Viviano; Roncaglia, Rodriguez, Tomovic; Cuadrado (85’ Cassani), Romulo, Pizarro, Borja Valero (62’ Aquilani), Llama; Toni, Jovetic (63’ El Hamdaoui). All.: Montella
CAGLIARI (4-3-2-1): Agazzi; Pisano, Astori, Rosettini, Murru; Casarini, Dessena, Ekdal; Cossu (72’ Eriksson), Thiago Ribeiro (51’ Pinilla); Sau (67’ Ibarbo). All.: Pulga
ARBITRO: Calvarese di Teramo, assistenti Liberti e Bianchi, arbitri di porta Rizzoli e Giancola, quarto uomo Crispo
RETI: 14’ Rodriguez, 42’ Casarini, 50’ Jovetic, 54’ Toni, 84’ Cuadrado
NOTE: ammoniti Roncaglia, Casarini, Pizarro; recuperi 1’ pt e 1’ st.

Primo tempo da 5.5, secondo da 9. Questa è la Fiorentina che batte il Cagliari e che si prende il quarto posto in solitaria, superando la Lazio e mettendo nel mirino il Napoli. I rossoblu, che nella prima frazione di gara avevano tenuto bene il campo meritando il pareggio, poco hanno potuto contro l’onda viola della ripresa, che nel giro di cinque minuti si è presa i tre punti e la vittoria.

Sia Montella che Pulga sorprendono nelle scelte di formazioni. Il tecnico gigliato, infatti, recupera Pizarro e rischia il diffidato Jovetic, facendo rifiatare solo Pasqual sostituendolo con Llama. Il collega sardo, invece, sceglie Casarini e Ekdal a centrocampo, mentre Thiago Ribeiro supera Nenè in attacco. Comincia meglio il Cagliari, che costruisce bene con Sau sulla destra in ripartenza, il quale rifinisce al centro dove Roncaglia non raggiunge la sfera e Rodriguez non interviene favorendo il tiro da distanza ravvicinata di Cossu, che però calcia altissimo. Passato lo spavento, i viola al quarto d’ora sbloccano il risultato. Calcio d’angolo dalla destra di Borja Valero, stacco aereo di Rodriguez e palla in rete. Per il difensore argentino ex Villarreal è il secondo centro in campionato.

La Fiorentina decide di gestire il risultato ma senza la necessaria decisione e così al 42’ viene punita. Corner dalla sinistra, Casarini libero al limite dell’area calcia al volo e grazie alla deviazione decisiva di Roncaglia supera Viviano. L’arbitro Calvarese in un primo momento non convalida la rete per la posizione irregolare di tre calciatori rossoblu, poi però torna giustamente sui propri passi e, dopo un veloce consulto con il guardalinee Liberti e l’arbitro di porta Giancola, decide di assegnare la rete del pareggio isolano. Il primo tempo termina così con il punteggio fermo sull’1-1.

La ripresa comincia con l’onda viola. Minuto 50’: calcio d’angolo dalla destra, la difesa del Cagliari si dimentica di Jovetic sul secondo palo che con un tocco al volo batte Agazzi, anticipando tra l’altro pure il compagno Tomovic. Esultanza rabbiosa del montenegrino, forse colpito da qualche brusio proveniente dalla tribuna e che ritorna al gol dopo un mese. Il Cagliari potrebbe pareggiare immediatamente con Sau, ma Llama salva sulla linea il suo tiro ed innesca il contropiede che porta al terzo gol; infatti, l’argentino serve Pizarro che a sua volta lancia lungo per Jovetic, il quale va sul fondo e serve a centro area Toni che con un piattone fa secco Agazzi. Lo stesso Jovetic poco dopo è costretto a lasciare il campo per un problema muscolare di lieve entità.

Avanti di due gol e in pieno dominio territoriale la Fiorentina dà la sensazione di poter dilagare e cerca più volte la rete del poker, non riuscendo a trovarla con i tentativi di Romulo, Aquilani e El Hamdaoui. Ci riesce, però, Cuadrado. Il colombiano approfitta di un errore in difesa di Dessena e beffa Agazzi con un pallonetto delizioso. Quattro schiaffi al Cagliari e serie positiva viola che continua a danno proprio di quella dei rossoblu, che si fermano a quattro successi consecutivi.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social