La Fiorentina avanza in Coppa Italia

. . Nessun commento:
(Ap/Lapresse)
La Fiorentina batte 2-0 la Juve Stabia e si qualifica agli ottavi di Coppa Italia. Partita equilibrata nel primo tempo, ad inizio ripresa Montella dà la scossa ai suoi inserendo Borja Valero e Cuadrado e arrivano i gol vittoria. Prima sblocca il risultato Seferovic (52'), poi raddoppia Hegazi (73'). Tanto cuore e orgoglio per la squadra campana, che paga il gap tecnico e chiude in dieci per l'espulsione di Murolo.


La Coppa Italia come porta d’accesso per l’Europa. È questa l’importanza che dà Montella alla partita contro la Juve Stabia e alla competizione nazionale. Ampio turn-over per i viola, dove hanno opportunità importanti Hegazi, Seferovic, Llama, Cassani e Migliaccio, cioè tutti quei giocatori che hanno trovato poco spazio finora. Da Castellammare di Stabia sono giunti circa 2500 tifosi al seguito delle Vespe di Piero Braglia, tifoso viola e un passato proprio nella società gigliata durante gli anni ’70, che prova a sfruttare l’occasione per fare uno sgambetto alla “sua” Fiorentina. Titolari gli ex Primavera viola Seculin e Agyei, mentre Acosty è in panchina; a guidare l’attacco c’è il fiorentino Cellini.

La prima conclusione della partita è di El Hamdaoui, che devia verso la porta un cross di Cassani, senza però creare grandi problemi a Seculin, che poco dopo rischia di combinarla grossa. Il numero uno stabiese sbaglia il disimpegno cogliendo di sorpresa tutti, compresi Seferovic e El Hamdaoui, che si ostacolano a vicenda per appropriarsi della sfera finendo per riconsegnarla agli avversari. La Fiorentina gioca a ritmi lenti, ma riesce comunque a rendersi pericolosa. Prima con El Hamdaoui, che calcia al volo su assist di Cassani, trovando però Murolo sulla traiettoria che respinge; poi con lo stesso Cassani, che calcia alto da posizione defilata. Alla mezzora occasione clamorosa per la Juve Stabia: calcio d’angolo dalla sinistra, Scognamiglio di testa fa sponda per Jidayi che calcia subito, il tiro è sporco e diventa buono per Murolo che però da pochi passi colpisce la traversa. Si sveglia la compagine campana e, dopo un tiro a lato di El Hamdaoui, sfiorano il gol due volte nel giro di cinque minuti con Cellini, che prima calcia alto e poi manda fuori. Ad una manciata di minuti dall’intervallo la Fiorentina pareggia il conto delle occasioni con Romulo, che calcia incredibilmente a lato con la porta spalancata.

A Montella non piace l’atteggiamento dei suoi e lascia negli spogliatoi Llama e El Hamdaoui, sostituendoli con Cuadrado e Borja Valero. Dopo un colpo di testa parato di Scognamiglio, la Fiorentina passa in vantaggio. Calcio d’angolo dalla destra, Seferovic appostato sul secondo palo devia bene di testa e mette il pallone in rete. I viola crescono di ritmo e la partita si mette in discesa. Cassani viene chiuso in extremis da Seculin in uscita, che si ripete anche su Pizarro poco dopo l’ora di gioco. Al 73’ la Fiorentina chiude i conti ancora sugli sviluppi di un calcio d’angolo, che viene battuto corto da Mati Fernandez per Romulo, il quale salta un avversario e una volta sul fondo gira al centro, Migliaccio impegna severamente Seculin che respinge, il pallone resta in area e Hegazi prontamente insacca. Primo gol in maglia per il difensore egiziano, alla prima da titolare. Con il risultato in cassaforte Montella fa esordire anche Della Rocca, che rileva Mati Fernandez per il quarto d’ora finale. Nei minuti finali ancora emozioni con il palo colpito da Tomovic e l’espulsione di Murolo per doppia ammonizione. Triplice fischio finale di Celi, la Fiorentina passa il turno e affronterà l’Udinese nel prossimo turno; per la Juve Stabia il torneo finisce qui, ma merita un plauso per quanto mostrato in campo.

Il tabellino: FIORENTINA-JUVE STABIA 2-0
FIORENTINA (3-5-2): Neto; Hegazi, Tomovic, Migliaccio; Cassani, Fernandez (74’ Della Rocca), Pizarro, Romulo, Llama (46’ Cuadrado); El Hamdaoui (46’ Borja Valero), Seferovic. A disp.: Lupatelli, Viviano, Gonzalo, Roncaglia, Olivera, Savic, Pasqual, Capezzi, Bernardeschi. All.: Montella
JUVE STABIA (4-3-3): Seculin; Vinci, Scognamiglio, Murolo, Dicuonzo; Baldanzeddu; Agyei, Doninelli (66’ Caserta), Jidayi; Mbakogu (51’ Acosty), Cellini (58’ Bruno). A disp.: Nocchi, Genevier, Erpen, Mezavilla, Gorzegno, Improta, Maury, Danilevicius, Kamana Ogolong. All.: Braglia
ARBITRO: Celi di Campobasso
RETI: 52’ Seferovic, 73’ Hegazi
NOTE: ammoniti Dicuonzo, Agyei, Seferovic; espulso Murolo all’89’ per doppia ammonizione; recuperi 0’ pt e 2’ st.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social