Super Toni e la Fiorentina distrugge il Siena

. . Nessun commento:
La Fiorentina supera in scioltezza il Siena nel derby toscano. Vantaggio gigliato al 15' con Toni, raddoppia tre minuti più tardi Pizarro. In chiusura di primo tempo (45') Aquilani porta tre reti il bottino dei viola. Nella ripresa Reginaldo (70') segna il gol della bandiera, poi Toni ristabilisce le distanze (79'). Nel finale rosso per Paci e rigore per la Fiorentina, ma Aquilani calcia alto fallendo la doppietta personale.

(foto Federico De Luca)
Nel lunch match della 17° giornata va in scena al “Franchi” il derby tra Fiorentina e Siena, due squadre in cerca di riscatto. I viola, infatti, vogliono riprendere la serie positiva interrotta lo scorso weekend a Roma, mentre i bianconeri hanno conquistato un punto nelle ultime tre giornate. Montella ritrova gli infortunati Jovetic e Ljajic, con il montenegrino a fianco di Toni dal primo minuto, mentre il serbo parte dalla panchina. Avvicendamento in porta tra Neto e Viviano, con quest’ultimo che lascia la maglia da titolare dopo i disastri di Roma e un infortunio all’anca patito in settimana. Fuori lo squalificato Cuadrado sulla fascia destra, il tecnico gigliato per sostituirlo preferisce Romulo a Cassani. Rientra anche Pizarro, tornato in Italia dopo il grave lutto familiare: per lui cori e striscioni di vicinanza da parte dei tifosi viola. Nel Siena, invece, Cosmi lascia fuori per scelta tecnica D’Agostino e Bogdani, entrambi non convocati, e deve rinunciare agli squalificati Terzi e Vitiello. Sull’out sinistro Rubin vince il ballottaggio con Del Grosso e parte titolare nel centrocampo a quattro. In attacco Larrondo supera Valiani e Reginaldo e compone con Calaiò il tandem d’attacco, assistito dal ritrovato Rosina.

La Fiorentina preme subito sull’acceleratore e chiude il Siena nella propria metà campo, sfiorando il vantaggio con Aquilani e Roncaglia, le cui conclusioni escono di poco. Risponde la Robur con un contropiede concluso da Calaiò, ma Neto è attento e al primo intervento della partita si fa trovare pronto in uscita. Al quarto d’ora Borja Valero chiama al cross sulla sinistra Pasqual, traiettoria a cercare sul secondo palo la testa di Toni, che risponde presente e supera un incerto Pegolo. Nemmeno il tempo di riorganizzarsi per il Siena che Felipe trattiene in modo evidente Toni a centro area: Tagliavento non ha dubbi e fischia il calcio di rigore. Della realizzazione se ne incarica Pizarro che insacca alla destra del portiere, dando sfogo alle emozioni per festeggiare il primo gol in maglia viola in un difficile momento personale. Uno-due devastante della Fiorentina, che mette al tappeto l’avversario iniziando a gestire con tranquillità partita e risultato. Il lungo possesso palla genera la terza rete di Aquilani, che da pochi passi non può che mettere in rete il bel assist di Romulo. Dopo tre minuti di recupero Tagliavento manda tutti negli spogliatoi.

Il gol di Reginaldo (foto Federico De Luca)
Cosmi vuole evitare la disfatta e toglie un attaccante (Larrondo) per inserire un centrocampista di rottura (Coppola). I senesi cercano subito il gol che può riaprire la partita ed è Calaiò a creare qualche grattacapo alla difesa viola con due conclusioni, la prima respinta da Rodriguez, la seconda a lato di poco. Nella fase centrale della ripresa succede poco e niente, con molte sostituzioni da entrambe le parti e un’ammonizione pesante per Roncaglia, che salterà la trasferta di Palermo. Al 70’ il Siena costruisce un contropiede veloce che porta al tiro Reginaldo sul centrodestra, controllo e gran botta sotto la traversa che non lascia scampo a Neto. Gli uomini di Cosmi provano a ridurre ulteriormente lo svantaggio con un tentativo dalla distanza di Coppola, che però esce alto. La Fiorentina accelera leggermente e colpisce, ancora con Toni, bravo a smarcarsi sul secondo palo e a depositare in rete l’assist perfetto di Borja Valero. Potrebbe finire in goleada, ma Aquilani calcia alto un penalty conquistato abilmente da El Hamdaoui: un errore minimo in una giornata come questa. Finisce 4-1 e la Fiorentina si riporta in corsa per un posto in Champions accorciando le distanze in vetta, mentre per il Siena è il quarto stop consecutivo e adesso la panchina di Cosmi traballa pericolosamente.

Il tabellino: FIORENTINA-SIENA 4-1
FIORENTINA (3-5-2): Neto; Roncaglia, Rodriguez, Savic; Romulo, Aquilani, Pizarro (73’ Migliaccio), Borja Valero, Pasqual (64’ Llama); Jovetic (58’ El Hamdaoui), Toni. A disp.: Viviano, Lupatelli, Mati Fernandez, Cassani, Seferovic, Della Rocca, Ljajic, Madrigali, Tomovic. All.: Montella
SIENA (3-4-1-2): Pegolo; Neto, Paci, Felipe; Angelo (19’ Sestu; 59’ Reginaldo), Vergassola, Bolzoni, Rubin; Rosina; Calaiò, Larrondo (46’ Coppola). A disp.: Farelli, Marini, Del Grosso, Valiani, Verre, Belmonte, Ribair Rodriguez, Contini. All.: Cosmi
ARBITRO: Tagliavento di Terni
RETI: 15’ Toni, 18’ Pizarro (rig.), 45' Aquilani, 70’ Reginaldo, 79’ Toni
NOTE: ammoniti Felipe, Pizarro, Vergassola, Roncaglia, Rosina, Neto; espulso Paci all’87’ per doppia ammonizione; recuperi 3’ pt e 2’ st.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social