Bernardeschi e Fossati lanciano la Primavera al secondo posto

. . Nessun commento:
Fiorentina e Genoa incrociano i propri destini al “Poggioloni” delle Caldine, teatro del big match di giornata del girone A del campionato Primavera. Entrambe appaiate a quota 28 punti e dirette inseguitrici della capolista Juventus, distante quattro punti, viola e rossoblu cercano nel match odierno una vittoria molto importante. Nell’undici scelto da Semplici non figura Capezzi, convocato con la prima squadra, mentre è confermato titolare De Poli e in panchina si rivede il brasiliano Da Silva dopo il lungo infortunio; indisponibili anche gli squalificati Bangu e Gondo, espulsi nella partita di settimana scorsa contro il Parma. Il campo molto pesante a causa della pioggia battente e la temperatura rigida tolgono spettacolarità e fluidità al gioco delle squadre, che comunque si sfidano a viso aperto fin dai primi minuti.

I primi a rendersi pericolosi sono i liguri con Velocci, intelligente a sfruttare un errore in disimpegno di Ashong e a tirare da fuori area, ma la sua conclusione esce a lato di poco. Rispondono i viola con uno spunto personale di Bernardeschi ben controllato da Zima. Ancora Velocci manda alto dalla distanza, poi Rosa Gastaldo vede respinto da un avversario il proprio tentativo. A metà frazione grande occasione per la Fiorentina con Fossati, che colpisce il palo su calcio di punizione dal limite dell’area. È una fase favorevole ai gigliati e arrivano altre occasioni con Zohore, tiro alto, e Costanzo, conclusione alzata in angolo. Alla mezz’ora Bernardeschi scende in slalom sulla destra, va sul fondo e crossa all’indietro, dove però nessun compagno è pronto a concludere a rete. Ancora viola in attacco con il traversone profondo di Ashong per Zohore, Zima buca l’uscita alta ma il centravanti danese non ne approfitta colpendo alto di testa. I rossoblu tornano in avanti con un tiro velleitario dalla distanza di Olivera. In chiusura di frazione si sblocca il risultato. Tutto nasce da un calcio di punizione per il Genoa, ben calciato in area da Velocci e prontamente respinto in tuffo da Lezzerini, che innesca il contropiede di Zohore; il danese nonostante la pressione avversaria riesce a lanciare Bernardeschi a tu per tu con il portiere, Di Marco lo trattiene nettamente e viene espulso. Lo stesso numero dieci gigliato s’incarica della realizzazione della punizione dal limite dell’area e con una traiettoria perfetta supera Zima portando in vantaggio i suoi.

Nella ripresa, la Fiorentina preme forte sull’acceleratore fin dai primi minuti, pressando a tutto campo e ricercando il secondo gol, non giungendo mai a creare occasioni pericolose. Su un terreno di gioco reso sempre più pesante dalla pioggia insistente, è il Genoa ad andare vicino al gol del pareggio. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Riccucci si ritrova il pallone tra i piedi e penetra in area vincendo un paio di rimpalli, ma, una volta giunto in posizione ottima per tirare, Lezzerini in uscita bassa lo frena sventando il pericolo. Sul ribaltamento di fronte la Fiorentina raddoppia, ancora su calcio di punizione, ma stavolta con Fossati, che da una trentina di metri in posizione centrale azzecca la traiettoria giusta per beffare Zima, ingannato dal rimbalzo del pallone sul terreno bagnato e poi superato dallo stesso. Avanti di due reti i viola controllano con maggiore tranquillità il restante quarto d’ora di partita, sfiorando il terzo gol in un paio di circostanze. Prima Zohore calcia addosso a Zima, non approfittando di un retropassaggio errato di Pierre, poi Empereur colpisce il secondo palo di giornata con un tiro dal limite dell’area. Nel finale Rosa Gastaldo abbandona il campo per infortunio, probabilmente al ginocchio, venendo sostituito da Berardi, centrocampista classe ’96 degli Allievi Nazionali. Dopo quattro minuti di recupero arriva il triplice fischio finale dell’arbitro, che sancisce la prima vittoria nel girone di ritorno per la Fiorentina e i primi tre punti del 2013.

CAMPIONATO PRIMAVERA (GIRONE A): FIORENTINA-GENOA 2-0
FIORENTINA (4-3-1-2): Lezzerini; Venuti, Madrigali, Empereur, Ashong; Rosa Gastaldo (84’ Berardi), Fossati, Costanzo; Bernardeschi (86’ Fazzi); Zohore, De Poli (68’ Da Silva). A disp.: Bacci, Cola, Everton, Folla, Giordano, Gulin, Spinelli. All.: Semplici
GENOA (4-4-2): Zima; Simic, Marchiori, Krajnc, Di Marco; Siciliano (77’ Lescano), Bennati (65’ Riccucci), Pierre, Velocci; Held, Olivera (46’ Gallotti). A disp.: Albertoni, Sokoli, Okseti, Moresco, De Luca, Caltabiano, Ventre, Tufano. All.: Chiappino
ARBITRO: Lazzeri di Arezzo
RETI: 45’ Bernardeschi, 70’ Fossati
NOTE: ammoniti Siciliano, Madrigali, Fossati; espulso Di Marco al 44’ per fallo da ultimo uomo; recuperi 0’ pt e 4’ st.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social