Fiorentina sfortunata, Roma cinica: Destro fa sorridere i giallorossi e li manda in semifinale

. . Nessun commento:
Al Franchi di Firenze va in scena l'ultimo quarto di finale. Partita decisamente meno spettacolare rispetto al precedente incontro in campionato, ma le occasioni da gol arrivano comunque. Nel primo tempo, i giallorossi sfiorano il vantaggio in alcune circostanze con Destro, Pjanic e Florenzi, mentre i viola ci provano con Jovetic e colpiscono una traversa con Aquilani. Nella ripresa Fiorentina padrona del campo ma anche vittima di alcune clamorose amnesie difensive che creano i presupposti per occasioni non finalizzate da Destro e Florenzi; dopo le opportunità non sfruttate da Tomovic e Rodriguez, allo scadere Borja Valero colpisce il secondo palo di giornata. Nei tempi supplementari la Roma colpisce subito con Destro, poi si chiude e perde tempo per raggiungere il traguardo. I viola non riescono a trovare il gol del pareggio e vedono sfumare un obiettivo importante. Da sottolineare le espulsioni di Taddei, Dodò e Cuadrado, con tensione finale.

(foto Federico De Luca)
Fiorentina e Roma si ritrovano una contro l’altra a distanza di un mese. Nello scontro dell’Olimpico finì 4-2 per i giallorossi, con tante emozioni e azioni spettacolari. Per il dentro o fuori dei quarti di finale, Montella conferma per dieci undicesimi la formazione che ha perso contro l’Udinese nell’ultimo weekend di campionato, preferendo Toni a Ljajic. Nella Roma, invece, ci sono squalifiche (Osvaldo) e infortuni (Totti e Lamela) a complicare la vita a Zeman, che vara un inedito 4-3-3 per fronteggiare i viola; le novità sono l’inserimento di Burdisso in difesa e il tridente offensivo composto da Pjanic, Destro e Florenzi. Arbitro della sfida il bolognese Nicola Rizzoli.

La Roma parte bene, nel primo quarto d’ora imprime alla partita i propri ritmi e sfiorano la rete del vantaggio in due circostanze. Dopo soli sette minuti, sugli sviluppi di calcio d’angolo dalla sinistra De Rossi gira a rete di testa, con la sfera che esce a lato. Successivamente, Migliaccio perde malamente palla in disimpegno favorendo lo stesso De Rossi, che da regista innesca sulla sinistra Florenzi, il quale controlla e calcia dall’interno dell’area chiamando Neto alla grande respinta, su cui si avventa prontamente Pjanic, ma Rodriguez in chiusura nega la gioia del gol al bosniaco. La Fiorentina in precedenza si era fatta viva con colpo di tacco di Aquilani, più bello che pericoloso, e con un tiraccio alle stelle di Jovetic dal limite dell’area. A cavallo della mezz’ora Montella ordina il pressing alto ai suoi, che prontamente eseguono schiacciando i giallorossi nella loro metà campo e cercando di rendersi pericolosi dalle parti di Goicoechea, senza però riuscirci. Chi riesce a rendersi pericoloso è Destro, bravo nello smarcarsi per ricevere da Bradley sul centro-destra e ad incrociare il tiro, che però esce di pochissimo. Torna a farsi pericolosa la Roma con due colpi di testa consecutivi, prima di Piris e poi di Marquinhos, ma in entrambe le circostanze la sfera finisce fuori. Prima dell’intervallo grande occasione per i viola su calcio piazzato con Aquilani, che da una ventina di metri colpisce la parte alta della traversa con Goicoechea immobile.

Il secondo tempo comincia con una serie di ripartenze da una parte e dall’altra non finalizzate. Un’amnesia clamorosa di Tomovic in disimpegno consente a Destro di involarsi verso la porta, ma il centravanti giallorosso preferisce servire Florenzi piuttosto che calciare a rete, tiro al volo e miracolo di Neto che devia in angolo. Botta e risposta a distanza tra Rodriguez e ancora Florenzi, con il difensore argentino che impegna di testa l’estremo difensore avversario, mentre l’esterno dell’Under 21 impegna Neto con una rasoiata dalla distanza. Dopo una serie di tentativi di Jovetic, al 79’ la Roma va in gol sugli sviluppi di un calcio di punizione con De Rossi, ma l’assistente dell’arbitro Rizzoli annulla per posizione di fuorigioco del capitano giallorosso. La Fiorentina cerca di farsi male da sola e trema ancora quando Rodriguez sbaglia l’ennesimo disimpegno difensivo, favorendo ancora una volta il rapace Destro, che però manca del killer instinct e calcia malamente a lato. Risponde la Viola con un ottimo break di Aquilani sulla trequarti offensiva con assist per Jovetic, però il suo cross al centro non viene raccolto da nessun compagno nonostante l’uscita errata di Goicoechea. Altra occasione per i padroni di casa con il colpo di testa di Tomovic respinto involontariamente dal compagno di squadra Rodriguez. Nell’ultimo dei novanta minuti regolamentari succede di tutto. Lancio alla disperata di Rodriguez, sponda aerea di Jovetic per l’accorrente Borja Valero, che scarica verso la porta un destro potente, ma il palo gli dice no. Sul capovolgimento di fronte, Destro si ritrova a tu per tu con Neto, lo scavalca con un pallonetto che sembra vincente ma l’intervento in extremis di Savic salva la porta e manda le squadra ai supplementari.

Al primo tentativo la Roma colpisce. Palla in profondità per Pjanic, che va sul fondo e gira al centro per Destro, il quale da un metro non può sbagliare. Una volta raggiunto il vantaggio i giallorossi alzano le barricate, addirittura difendendosi in otto con il solo Destro in avanti. La Fiorentina prova a cercare il gol, ma la sfortuna le rema contro ancora una volta. Conclusione di Aquilani deviata, si alza un campanile raccolto al volo da Cuadrado, ma il suo tiro colpisce il palo, terzo legno della partita. Nel secondo tempo supplementare la Roma pensa più a perdere tempo che a giocare e per la Fiorentina il compito si fa durissimo. Ci prova Ljajic con un tiro dalla distanza, poi Romulo sugli sviluppi di un corner, ma mira e fortuna latitano. Nel mezzo un’uscita kamikaze di Neto chiude in extremis Destro lanciato a rete. Nel finale di gara si accendono gli animi e nel giro di pochi minuti vengono espulsi prima Taddei, per doppia ammonizione, poi Dodò e Cuadrado, che innescano una rissa che prosegue anche nei pressi dell’ingresso degli spogliatoi. Non cambia più niente e la Roma strappa il pass per le semifinali, vincendo una partita che ai punti avrebbe visto la Fiorentina meritare di più.

Il tabellino: FIORENTINA-ROMA 0-1 dts
FIORENTINA (3-5-2): Neto; Savic, Rodriguez, Tomovic; Cuadrado, Aquilani, Migliaccio (65’ Romulo), Borja Valero, Pasqual (105’ Llama); Jovetic, Toni (78’ Ljajic). A disp.: Viviano, Lupatelli, Roncaglia, Olivera, Pizarro, Mati Fernandez, Seferovic, Camporese. All.: Montella
 ROMA (3-4-3): Goicoechea; Marquinhos, Castan, Burdisso; Piris (81’ Taddei), De Rossi, Bradley, Balzaretti (59’ Dodò); Pjanic (101’ Tachtsidis), Destro, Florenzi. A disp.: Svedkauskas, Lucca, Frediani, Ferrante. All.: Zeman
ARBITRO: Nicola Rizzoli di Bologna
RETI: 97’ Destro
NOTE: ammoniti Florenzi, Burdisso, Pjanic, Castan, Bradley, Aquilani, Tomovic, Savic, Neto; espulsi Taddei al 117’ per doppia ammonizione, Dodò e Cuadrado al 121’ per reciproche scorrettezze; recuperi 1’ pt, 3’ st, 1’ pts e 3’ sts.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social