Rossi: "Contento di essere qui"

. . Nessun commento:
Giuseppe Rossi è a tutti gli effetti un calciatore della Fiorentina. Dopo il comunicato apparso sul sito ufficiale della società toscana, le visite mediche e la passerella di domenica pomeriggio al Franchi, con la conferenza stampa di presentazione di questo pomeriggio si completa l'iter comune ai nuovi acquisti. Accompagnato in sala stampa dal direttore sportivo Pradè e dal direttore tecnico Macia, l'attaccante italiano ha espresso soddisfazione per la scelta e speranza per il futuro prossimo suo e della squadra. Queste le sue parole:

(Firenze Viola)
"Sono contento di essere qui e di far parte di questa squadra. La Fiorentina è l'unica squadra che oltre alle parole ha portato i fatti. Il mio obiettivo principale è guarire, tornare a giocare e dare il 100% per la maglia viola; tutto il resto, come la Nazionale, viene dopo. Questo è un progetto nuovo, che mi piace tanto e ho voluto farne parte. Adesso sto facendo le terapie a New York con il mio fisioterapista, va tutto bene e spero di tornare presto. Credo che siamo una squadra fortissima, ma la cosa più importante è rimanere con i piedi per terra; vogliamo lottare per l'Europa, per la Champions League, sappiamo che il campionato è lungo e con pazienza e umiltà potremo raggiungere i nostri obiettivi. Il presidente l'ho conosciuto due giorni fa e mi ha fatto un'ottima impressione; è una grandissima persona, siamo fortunati ad averlo. Mi piace il calcio che fa Montella perché è un calcio moderno ed anche per questo motivo ho scelto di venire qui. L'accoglienza dei tifosi è stata bellissima, li voglio ringraziare, e la ricorderò per sempre. A livello calcistico questa Fiorentina mi ricorda il Villarreal di 5-6 anni fa, cioè la squadra che giocava uno dei migliori calci di Europa. Jovetic è un grandissimo calciatore, dove lo metti gioca bene e vorrei tornare presto per poter giocare con lui e Luca (Toni, ndr). Riguardo al mio infortunio non ho un periodo in cui penso di rientrare; il ginocchio è stabile e va rinforzato, ma senza fretta. Ho scelto il numero 49 perché è l'anno di nascita di mio padre (scomparso nel 2010, ndr). Io come Montella? Magari fossi come lui! La Fiorentina mi ha dato l'opportunità di tornare al grande calcio e voglio ringraziarla. Nel 2007 c'era stato qualche contatto, ma la scelta giusta fu quella di andare al Villarreal. Sinceramente non ho preferenze per la mia posizione in campo o per il modulo. Ho un contratto lungo e voglio rimanere qui per tutti i suoi anni".

Successivamente al nuovo centravanti gigliato, Pradè e Macia hanno esposto i programmi attuali e futuri della società: "L'acquisto di Rossi è stato fatto per diventare grandi e non implica una cessione di Jovetic. Giuseppe con noi ha sottoscritto un contratto di quattro anni e mezzo, e fino al 2015 avrà una clausola rescissoria di 35 milioni di euro, mentre negli ultimi due anni di contratto scenderà a 30 milioni. Il futuro di Jovetic è rimandato a giugno, dovremo parlare con lui e il suo agente. Adesso cerchiamo l'alternativa giusta per sostituire El Hamdaoui; Larrondo ci interessa ma stiamo valutando le alternative. Seferovic ha molte offerte e dovremo decidere insieme a lui la migliore opzione. Al momento solo Della Rocca ha espresso la volontà di andare a giocare e quindi essere ceduto. Nel nostro percorso stiamo agendo con calma e facendo le valutazioni del caso; sarebbe inutile acquistare giocatori senza un'ottica futura. Non ci serve un vice-Pizarro perché il suo infortunio è meno grave del previsto. Il Bologna non ci ha mai chiesto Viviano e noi crediamo molto in lui, che sta continuando ad allenarsi come fosse il titolare. Terremmo volentieri Camporese per una questione numerica, ma valuteremo la sua situazione la prossima settimana perché il ragazzo vuole giocare. Con Olivera stiamo cercando la soluzione migliore per lui e per noi. Coppa Italia? Ci atteniamo al regolamento".

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social