Montella: "Affronteremo la Juve con le nostre qualità"

. . Nessun commento:
Vigilia di Juventus-Fiorentina e, come di consueto, Vincenzo Montella si presenta in sala stampa per rispondere alle domande dei giornalisti. Non è una partita come le altre, perché le sfide con i bianconeri sono sempre le più sentite dai tifosi viola, che cercano di trasmettere le giuste motivazioni ad allenatore e squadra. Montella ha potuto toccare con mano quanto conti questa partita nel girone di andata, quando la Fiorentina mise sotto la Juventus per tutto il match senza però riuscire a piazzare il colpo decisivo.

(Violachannel)
Queste le parole del tecnico gigliato sugli avversari, su Conte e sul precedente dell'andata: "Conosco la rivalità che c'è con la Juve, ma mi fermo a quella sportiva e penso dovrebbero farlo tutti. Vogliamo trasformare questa rivalità in motivazione ed energia positiva, non in arroganza. Come si batte la Juventus? Dobbiamo mettere in campo le nostre caratteristiche, stanare le loro iniziative, ha nella continuità l'arma migliore e quindi dovremo fare una partita attenta ma senza snaturarci. Vincere contro squadre come loro è difficilissimo. Non vogliamo vincere per emulare qualcuno che ha vinto in passato. La partita è molto sentita in città, si respira una grande atmosfera, e noi la stiamo preparando come le altre, sapendo che però c'è quel qualcosa in più. Conte ha ricreato una mentalità importante alla Juventus e ha dimostrato negli ultimi due anni di essere l'allenatore più vincente; probabilmente siamo molto diversi nell'interpretazione della partita e come la viviamo, ma non c'è un modo più giusto o sbagliato. Questa partita sarà diversa da quella dell'andata, di cui se ne è parlato molto e bene; domani sarà un'altra cosa e non vorrei che il ricordo possa crearci qualche rischio".

Prosegue Montella analizzando il momento attuale della sua Fiorentina: "La sfida tra Pizarro e Pirlo è una chiave di lettura in quella di zona del campo; sono gli interpreti che hanno dimostrato più continuità e la gara dipende anche da loro. Capezzi è un ragazzo giovanissimo e di qualità, da tempo si allena con noi e ci stiamo lavorando. El Hamdaoui sta molto bene fisicamente e psicologicamente, non l'ho mai visto allenarsi con questo entusiasmo; rappresenta una risorsa, ha caratteristiche diverse da Luca (Toni, ndr) che potrebbero farci comodo domani e sono molto indeciso su questa soluzione. Come arriva Jovetic alla partita? In treno, con tutti noi (ride, ndr). A parte tutto, arriva pronto, domenica si è sbloccato nella partita che aveva giocato peggio e ci auguriamo che domani possa farsi valere. Cuadrado dovrebbe rientrare in tempo per la rifinitura, Romulo invece ha dimostrato di poterci stare senza problemi in questa squadra. Cambiare modulo? Penso che le grandi squadre vadano affrontate con le proprie armi e che cambiare possa essere inteso come un segnale negativo dala squadra. Credo nella ripetitività delle cose".

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social