Torneo di Viareggio 2013: scialbo pareggio senza gol tra Fiorentina e Padova

. . Nessun commento:
Al "Turri" di Scandicci torna in campo la Fiorentina, decisa a bissare la vittoria dell'esordio nel match odierno, in cui l'avversario è il Padova. Tre cambi di formazione per Semplici rispetto alla partita contro il B93: Fossati e Rosa Gastaldo rilevano Costanzo e Bangu a centrocampo, mentre in attacco Gulin va in panchina con Da Silva dall'inizio. Nel Padova, invece, l'allenatore Maestroni manda in campo Acka, Bellemo e Braschi, lasciando in panchina Rosina, Begheto e Longato.

(Poli & Galassi/fiorentina.it)
Tanti volti noti della dirigenza e prima squadra gigliata in tribuna: l'a.d. Mencucci, il club manager Guerini, il responsabile del settore giovanile Vergine, ma anche Vincenzo Montella, il suo collaboratore Caccia ed Emiliano Viviano. Si saranno presi tutti un bello spavento quando, dopo soli nove minuti, Magrassi ha colpito il palo con un tentativo dall'interno dell'area di rigore. Ancora biancoscudati vicini al gol con il colpo di testa di Beccaro, ben deviato in corner da Lezzerini. Il primo spunto offensivo dei viola nasce da un lancio lungo in area ammorbidito di testa da Zohore per Bernardeschi, il cui tiro è parato a terra da Maniero. Il numero dieci gigliato fatica a trovare gli spazi giusti a causa della marcatura asfissiante dei difensori padovani, che si alternano per rendergli la vita difficile. Nella parte centrale della frazione succede poco e niente, giusto un tiro alto di Radrezza su sponda di Magrassi e qualche avanzata viola interrotta. L'azione buona per colpire nasce dai piedi di Capezzi, che lancia in contropiede Rosa Gastaldo, il quale aspetta l'inserimento di Zohore per servirlo, ma l'attaccante danese calcia a lato in modo impreciso. Dopo un tiro fuori di Braschi le squadre vanno negli spogliatoi a reti inviolare.

Il secondo tempo comincia con il secondo legno della gara, stavolta colpito dai viola. Da Silva e Zohore duettano bene sulla sinistra, quest'ultimo serve sui venti metri Fossati che esplode un siluro potente, ma la sfera impatta la traversa prima di ricadere in campo, forse oltre la linea di porta. Prosegue la Fiorentina e il tiro a giro di Venuti mette in apprensione Maniero tanto da costringerlo alla deviazione in corner; dagli sviluppi dello stesso, Madrigali colpisce di testa, tiro centrale e parato. Veneti di nuovo avanti con lo spunto di Magrassi sulla sinistra, finta ad evitare Madrigali e tocco in favore di Formigoni, che spreca calciando debolmente. La più grande occasione del match, legni esclusi, capita sui piedi di Bernardeschi a quindici minuti dalla fine, quando il numero dieci calcia alto da ottima posizione su suggerimento di Costanzo. Il tecnico viola Semplici vuole vincere e nei minuti finali De Poli e Gulin, forze fresche per il reparto avanzato, che però riesce a produrre solo un tentativo parato proprio del folletto triestino. Finisce così 0-0, risultato frutto di una partita scialba scossa dai due legni.

FIORENTINA-PADOVA 0-0
FIORENTINA: Lezzerini; Venuti, Madrigali, Empereur, Ashong; Rosa Gastaldo (63' Costanzo), Fossati (80' De Poli), Capezzi (56' Bangu); Bernardeschi (88' Gulin), Da Silva (52' Gondo); Zohore. A disp.: Bacci, Cola, Everton, Folla. All.: Semplici
PADOVA: Maniero, Acka, Barison, Beccaro, Di Biasi, Caporali, Bellemo, Mbaye, Braschi (66' Formigoni), Radrezza, Magrassi. A disp.: Murano, Costa, Rosina, Vio, Minto, Beghetto, Rampin, Rivi, Shahini, Voltan. All.: Maestroni
ARBITRO: Diomaiuta di Albano Laziale

PAGELLE
Lezzerini 6: qualche indecisione di troppo, salvato dal palo in apertura.
Venuti 6: corre tanto ma senza profitto, vicino al gol nella ripresa.
Madrigali 6: controlla senza grossi problemi gli avanti biancoscudati.
Empereur 6: tranquillo in marcatura e in impostazione, dove a volte pecca di imprecisione.
Ashong 5.5: appannato in entrambe le fasi.
Rosa Gastaldo 5.5: al rientro da titolare dopo l'infortunio, si vede poco e niente. (dal 63' Costanzo 5.5: dinamismo senza concretezza).
Fossati 6.5: spicca in cabina di regia, la sua traversa trema ancora. (dal 80' De Poli sv).
Capezzi 6: deve ritrovare il ritmo gara, alcune giocate interessanti. (dal 56' Bangu 5,5: non fornisce l'apporto sperato).
Bernardeschi 6.5: pericolo costante per la difesa avversaria, non trova il gol ma è sicuramente l'elemento più volitivo offensivamente. (dal 88' Gulin sv).
Da Silva 5.5: impalpabile, in parte giustificato dall'essere in ripresa dal lungo infortunio. (dal 52' Gondo 6: qualche accelerazione isolata e un tiraccio a lato).
Zohore 5: altra prestazione insufficiente, urge un cambio di marcia immediato.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social