Primavera, Fiorentina-Novara 2-1: Bernardeschi più Zohore e i viola vincono

. . Nessun commento:
Reduce dal roboante 5-0 inflitto al Livorno, la Primavera viola si rituffa nel campionato dopo la sosta pasquale e cerca tre punti contro il Novara, formazione sesta in classifica e sconfitta a Cagliari nell’ultimo turno. Il tecnico dei gigliati Semplici deve fare a meno dello squalificato Venuti, sostituito da Everton, e lascia in panchina Lezzerini e Capezzi. Tra i piemontesi figura nell’undici iniziale il fuoriquota Libertazzi, attaccante classe ’92. In tribuna ad assistere al match ci sono anche Giancarlo Antognoni, che nei giorni scorsi ha compiuto 59 anni, e Camporese.
Pallino del gioco subito in mano alla Fiorentina, alla ricerca del gol fin dai primi minuti. Bangu è il più intraprendente in questo senso, perché prima conclude alto di testa su cross di Zohore e poi innesca un veloce contropiede finalizzato da Gondo. Al decimo viola avanti con Bernardeschi, che salta due avversari al limite dell’area e fa secco De Toni con un mancino angolato; diciassettesimo centro in campionato per l’attaccante di Carrara. Ancora Fiorentina pericolosa con la rovesciata di Gondo e il tiro dalla distanza di Ashong, ma su entrambe le conclusioni De Toni fa buona guardia mettendo in mostra reattività e riflessi. Alla mezz’ora, però, il portiere dei piemontesi niente può sul siluro dal limite dell’area di Zohore, che quindi raddoppia. I viola, fin qui praticamente perfetti dal punto di vista tattico, commettono un errore e vengono puniti. Rosa Gastaldo sbaglia un retropassaggio favorendo Sciannamea, il quale serve immediatamente Libertazzi in area, controllo e palla alle spalle di un Bacci incolpevole. Gol al primo tiro per il Novara, che manda le squadre al riposo con i viola avanti di una sola lunghezza, risultato stretto per quanto visto in campo.

Nel secondo tempo la sostanza del match cambia. Infatti, è il Novara a condurre il gioco a centrocampo e a proporsi più frequentemente in attacco, producendo però un solo vero pericolo alla porta di Bacci con Casarini, bravo ad incunearsi in area, meno a concludere. I viola soffrono l’atteggiamento avversario e si abbassano troppo, costringendo mister Semplici a due cambi per ristabilire i giusti equilibri: Capezzi e Fazzi al posto di Bangu e Gondo. A rendersi ancora una volta pericoloso è Zohore, sicuramente il migliore dei suoi, che, dopo aver controllato un lancio lungo di Empereur, scarica sulla traversa un gran destro da posizione defilata, su cui De Toni niente avrebbe potuto. Sostituzioni e perdite di tempo strategiche facilitano alla Fiorentina l’amministrazione del minimo vantaggio, complicando di contro i piani di rimonta del Novara. Al triplice fischio finale i viola festeggiano una vittoria meritata e sudata, che li proietta a quota 50 punti in classifica.

Il tabellino: FIORENTINA - NOVARA 2-1
FIORENTINA (4-3-3): Bacci; Everton, Empereur, Madrigali, Ashong; Fossati (83’ Mancini), Bangu (61’ Capezzi), Rosa Gastaldo; Bernardeschi, Gondo (68’ Fazzi), Zohore. A disp.: Lezzerini, Da Silva, De Paoli, Fazzi, Folla, Giordano, Gulin, Papini. All.: Leonardo Semplici
NOVARA (3-5-2): De Toni; Sorrentino, Celano, Vicari; Bellino, Casarini, Augliera (85’ Marra), Sciannamea, Bernazzani (79’ Clori); Sicurella (70’ Rocca), Libertazzi. A disp.: Logofatu, Farnasino, Pisoni, Calcagni. All.: Giacomo Gattuso
ARBITRO: Ceccarelli di Rimini
RETI: 10’ Bernardeschi, 27’ Zohore, 31’ Libertazzi

PAGELLE
Bacci 6: incolpevole sul gol, salva su Casarini il possibile pareggio novarese.
Everton 6: attento, grande corsa, si propone molto in avanti, ma senza risultati soddisfacenti.
Empereur 6,5: praticamente impeccabile in marcatura, è il primo a far ripartire l’azione.
Madrigali 6: suo malgrado entra nell’azione del gol avversario, poi non commette altre sbavature.
Ashong 6,5: prestazione attenta e di spessore, sfiora il gol nel primo tempo.
Fossati 6,5: si cala in cabina di regia comandando la squadra come è solito fare. (dal 83’ Mancini sv).
Bangu 6: meno propositivo e nel vivo del gioco rispetto al solito, perde un po’ la bussola e viene sostituito. (dal 61’ Capezzi 6: entra per dare tranquillità in un momento difficile e riesce nell’intento).
Rosa Gastaldo 5,5: da un suo errore nasce il gol ospite, fatica a trovare la giusta posizione a centrocampo. Unica nota stonata di giornata.
Bernardeschi 6,5: apre le marcature con un gol dei suoi, poi dispensa altre buone giocate.
Gondo 6,5: corre molto, prezioso in entrambe le fasi di gioco, poi cala alla distanza perdendo lucidità e concretezza. (dal 68’ Fazzi 6: offre la consueta vivacità sull’out mancino).
Zohore 7: è in forma, pericolo costante per la difesa avversaria, segna e sfiora più volte la doppietta personale.

Nessun commento:

Posta un commento

Cantera Social